Resta in contatto

Rubriche

Penna in Trasferta, Rossi (Telelombardia): “Thiago Motta sarà applauditissimo a San Siro”

Il collega di Tele Lombardia “gioca in anticipo” per voi lettori Inter-Spezia di questo pomeriggio. “Lo Spezia deve attaccare a destra dove Dumfries non si è ancora inserito alla perfezione. Motta può beneficiare del rientro di Gyasi e Verde

Tocca a Gianluca Rossi, giornalista di Tele Lombardia e persona molta informata sulle questioni che riguardano l’Inter, presentare ai lettori di Calcio Spezia il match di questo pomeriggio a San Siro.

E’ lui il protagonista odierno della nostra rubrica “Penna in Trasferta“.

 

Buongiorno Gianluca. Com’è cambiata l’Inter passando da Antonio Conte a Simone Inzaghi?

Direi che si è indebolita perdendo Lukaku e Hakimi, ma anche Conte e Eriksen e io ci aggiungo pure Oriali in una sola sessione di mercato. Direi che abbiamo perso almeno il 30% delle nostre potenzialità rispetto alla scorsa stagione.

Appare oggettivo come le partenze ai fini di bilancio di Lukaku e Hakimi non siano risultate poi decisive in negativo. Con Dzeko, Correa e Calhanoglu l’Inter sembra possa puntare al bis scudetto: che ne pensi?

Sì sembra che l’Inter possa puntare al bis scudetto. Al momento direi che sembra così. A fine ottobre il Milan vinceva a Roma e diciamo che un mese fa sembrava diverso. Oggi che si sta chiudendo novembre direi che ce la possiamo fare. Se domani vincesse con lo Spezia per la prima volta vinceremmo tre vittoria di fila, mentre a questo punto Conte ne aveva già vinte otto di fila. Direi che l’Inter è competitiva e io sono speranzoso che ci sia il bis scudetto. In Europa, a oggi, Inzaghi è comunque andato meglio Conte riportandoci gli Ottavi di Finale di Champions League.

Lo Spezia è la peggior difesa d’Europa nei principali massimi campionati. Che partita possiamo attenderci oggi pomeriggio?

Una partita che per lo Spezia sarà sicuramente proibitiva. Sono molto affezionato allo Spezia, e in particolar modo a Giulio Maggiore che sbloccò la partita con il Milan che permise all’Inter il sorpasso e poi la cavalcata verso lo scudetto la scorsa stagione, ma non possiamo fare sconti.

L’Inter ha qualche punto debole che lo Spezia potrebbe provare a sfruttare?

Abbiamo fuori Darmian, Ranocchia, De Vrij, Sanchez e Vidal. Tolto Darmian verrà probabilmente schierata la stessa formazione che ha vinto agevolmente a Venezia. Darmian dovrebbe essere sostituito dall’olandese Dumfries sulla destra e quindi se c’è un punto debole può essere lui perché l’ex PSV Eindhoven diciamo che non si è ancora ben inserito.

In casa Spezia rientrano Gyasi e probabilmente Verde dopo la mancata convocazione con il Bologna. Pensi che le Aquile possano beneficiare di due esterni d’attacco di maggiore esperienza rispetto ai giovanissimi Antiste e Strelec visti contro i felsinei?

Credo che lo Spezia possa migliorare con i due giocaotri più esperti. E comunque fossi nell’Inter starei ben attento in partite come queste perchè lo Spezia non ha niente perdere e proverà a fare lo scherzetto alla truppa di Inzaghi, vedi il Sassuolo contro il Milan domenica scorsa.

Thiago Motta torna da ex, però in versione allenatore. Cosa ti aspetti da lui e quanto i tifosi nero azzurri sono ancora legati all’ex centrocampista?

Tutti noi tifosi almeno dai tempi del “Triplete” siamo legati a tutti quei giocatori che ci hanno regalato qualcosa di unico e di irripetibile in Italia. Quando verrà scandito il suo nome a San Siro sarà sicuramente applauditissimo. Come allenatore sapendo di non aver niente da perdere penso che possa fare una partita coraggiosa sperando che l’Inter non sia concentrata per tutti i 90′. Thiago Motta deve puntare sull’aspetto psicologico attaccando a viso aperto gli avversari.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Rubriche