Resta in contatto

Le pagelle di Calciospezia

SPEZIA-TORINO 4-1 LE PAGELLE: GIOCO, PARTITA, INCONTRO, SIAMO ANCORA IN A!

Nzola torna bomber nel momento decisivo, che classe Saponara e Giulio Maggiore è ovunque. Italiano non sbaglia niente e chiude commuovendosi

ZOET 7

L’uomo delle partite decisive. Dopo Cagliari ecco il Torino: praticamente non impegnato nella prima frazione mostra comunque grandissima sicurezza uscendo a far suoi tutti i palloni alti e comandando la difesa. Nella ripresa battuto solo su rigore, dice di no a Bremer e Verdi nel finale.

SALVA FERRER 6,5

Mezzo punto in meno per il fallo da rigore evitabile che ha riaperto una partita chiusa. Gioca una gara accorta sulla destra contrastando efficacemente Ansaldi, quando glielo consentono spinge anche sulla corsia di competenza arrivando al cross.

ISMAJLI 7,5

Annichilisce Belotti che infatti segna solo su rigore. I palloni alti sono tutti suoi lascinado solo le briciole al “Gallo” che sembra più un “pulcino”. Se fossimo in Mancini ci inizieremmo a preoccupare in vista Europeo.

TERZI 7,5

Tranquillità ed esperienza. Grandissima partita per il capitano aquilotto che con la sua esperienza guida la difesa e la squadra alla salvezza. Alcuni interventi decisivi.

MARCHIZZA 7

Spinge senza sosta agendo ottimamente in coppia con Saponara sullal corsia di competenza. E’ celere a tornare in difesa quando bisogna chiudere le avanzate di Vojvoda. Piazza l’assist per il decisivo 3-1 che spezza definitivamente la resistenza del Torino.

MAGGIORE 8

Non avrà la fascia di capitano, ma moralmente il ragazzo di Spezia lo è. 150 presenze con la Sampdoria e la premiazione prima della partita da parte di Robert Platek davvero non lo scompogono: entra in campo ed è indemoniato! Recupera mille e mille palloni, è ovunque, corre per undici, ma ci mette anche qualità. Basta vedere il passaggio filtrante con cui manda in porta Saponara che colpisce il palo. Nel finale Sirigu gli nega il gol che avrebbe meritato con una grande parata. Presente e futuro di questa squadra! Grazie Giulio, Capitano Vero!

RICCI 6,5

Torna in cabina di regia e fa il suo anche se appare più opaco di altri compagni, viene infatti sostituito.

POBEGA 7,5

Dopo la grande partita di Genova con la Sampdoria si ripete con un’altra prestazione di grandissima intensità. Corre dappertutto aggredendo le caviglie degli avversari. Si inserisce negli spazi, torna a difendere, alla fine conquista anche il rigore del raddoppio.

AGUDELO 6,5

Da una sua iniziativa nasce il gol del vantaggio di Saponara. Sembra elettrico, ha voglia di spaccare il mondo, ma non sempre riesce a tradurre tutta questa voglia che ha dentro in giocate efficaci. Si spegne nella ripresa fino al cambio.

NZOLA 8,5

Non segnava da più di un girone, non aveva offerto prestazioni eccellenti, non era stato convocato da Italiano con la Sampdoria per motivi disciplinari: spazza via tutto nella partita più importante! Si vede già da come va a pressare i difensori del Torino che è il “vecchio Diba”. Freddissimo sul calcio di rigore, a inizio ripresa si mangia il gol, ma poi lo trova con un piattone, per giunta di destro, al volo su assist di Marchizza che vale il tris per lo Spezia. Impegna in marcatura due difensori. Undici gol in stagione al suo primo campionato in Serie A.

SAPONARA 8

Giocate di classe allo stato puro. Nel primo tempo è lui a trascinare lo Spezia: su imbucata di Maggiore coglie il palo, un minuto dopo si inventa letteralmente il vantaggio con una botta potentissima che scaraventa alle spalle di Sirigu con un destro potentissimo. Il primo tempo è tutto dribbling  e giocate sopraffine che avrebbero fatto spellare le mani dei tifosi dello Spezia al “Picco”. Logicamente cala un poco nella ripresa. La miglior risposta a chi a gennaio diceva che non poteva giocare nello Spezia con Vincenzo Italiano.

LEO SENA 7

Piede subito caldo il brasiliano che entra bene e prende in mano il centrocampo dello Spezia nell’unico momento di difficoltà della squadra. Il suo è un riscatto da fare al più presto per puntare sul brasiliano nel prossimo campionato di Serie A.

FARIAS 7

Aveva voglia di riscatto dopo la brutta prova che aveva offerto in casa della Sampdoria. Entra convinto in campo e offre anche l’assist per la quarta rete a Erlic. Dopo due retrocessioni consecutive trova il riscatto salvandosi con lo Spezia.

ESTEVEZ 7

Un altro su cui puntare nel futuro prossimo in Serie A. Entra e apporta la sua classica “garra” nel finale di partita. Punizione bomba disinnescata da Sirigu con una grande parata. Cercherà il primo gol con la maglia dello Spezia nell’ultima giornata domenica prossima contro la Roma, sempre al “Picco”.

ERLIC 7

Centimetri in più per evitare l’assalto finale del Torino, ma alla fine quei centimetri servono in attacco: incornata poderosa che insacca sotto la traversa il traversone di Diego Farias.

ITALIANO 9

Con le sue mosse annichilisce il Torino. Gioca a scacchi con Nicola e piazza lo “scacco matto” finale che vale la salvezza in Serie A per le Aquile. Cambi perfetti! A fine partita si commuove e nei festeggiamenti gli scende qualche lacrima. Lacrime di felicità, miste a lacrime di un possibile arrivederci? Comunque grazie per la seconda impresa consecutiva Vincenzo!

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da Le pagelle di Calciospezia