Resta in contatto

Pagelle

Le pagelle: un Saponara da spellarsi le mani, Galabinov l’essenziale

Italiano scrive un’altra pagina indelebile di storia aquilotta. Maggiore fa tutto. Acampora, Dell’Orco e Verde entrano benissimo. Agudelo e Deiola continuano a non convincere. Spinazzola asfalta Vignali

KAPRIKAS 6,5: Inizio difficile dove non sembra sicurissimo nelle uscite. Tra i pali invece è attentissimo: sottolineiamo un suo doppio grande doppio intervento prima su Pedro e poi su Mkhitaryan in chiusura di prima frazione. Bello anche un intervento con la mano di richiamo su Pellegrini. Con il passare dei minuti acquisisce sicurezza.

VIGNALI 5: Agudelo non gli offre mai un raddoppio, ma lui è saltato sistematicamente da uno scatenato Spinazzola che crea sempre superiorità numerica. Partita soffertissima la sua. La musica non cambia quano a sinistra viene spostato Bruno Peres. Sbaglia clamorosamente un controllo e manda in porta Borja Mayoral che si divora il gol qualificazione nei regolamentari.

ISMAJLI 5,5: Sorpreso da Pellegrini che gli gira alle spalle, il rigore che commette è tanto ingenuo quanto netto. Soffre per tutti i novanta minuti. Tira il fiato nei supplementari.

ERLIC 6: Tiene su la baracca in qualche modo. Gli arrivano da tutte le parti e lui cerca di mettere toppe ovunque. Per fortuna Borja Mayoral si divora un gol fatto.

RAMOS 6: Attentissimo nel primo tempo: con una perfetta diagonale anticipa Borja Mayoral liberato davanti a Kaprikas da Spinazzola. Ha il suo bel daffare per contenere gli esterni romanisti. (67° DELL’ORCO 6,5: Riesce ad essere molto più propositivo del compagno che va a sostituire e piazza anche l’assist per il gol di Verde.)

DEIOLA 5,5: Non è molto dinamico, si vede poco e niente. (80° ACAMPORA 6,5: Entra con una voglia matta: corre, lotta, sbuffa, sgomita e alla fine ha anche il merito dell’espulsione di Mancini.)

LEO SENA 6: Il brasiliano fa il compitino, ma nulla più. (67° RICCI 6: Dopo lo stop per il Coronavirus ritrova il campo da ex di turno. Un grande recupero difensivo nei supplementari su Dzeko.)

MAGGIORE 7: Prima frazione perfetta. Riceve la verticalizzazione di Saponara, entra in area sterza e conquista un rigore netto. Entra anche nell’azione del raddoppio con il passaggio di testa a Galabinov che libera Saponara. Cerca di raddoppiare nel momento migliore della Roma aiutando la difesa. Nei supplementari sfiora la marcatura trovando la grande risposta di Fuzato.

AGUDELO 5: Non ci discostiamo dai giudizi delle partite precedenti. Si piace troppo, troppo fine a sé stesso, mai incisivo e molto fumoso. Non aiuta neanche Vignali nei raddoppi difensivi. (59° VERDE 6,5: Rientro dopo il lungo stop per infortunio. Un esterno d’attacco che farà molto comodo allo Spezia. Si fa sempre trovare largo, mette palloni in mezzo, dimostra di avere il piede caldo e alla fine trova il gol dell’ex con un perfetto colpo di testa.)

GALABINOV 7: Nel primo tempo tocca due palloni siglando il rigore del vantaggio e mettendo l’assist per il raddoppio di Saponara. Cosa chiedere di più a un centravanti? (67° PICCOLI 6,5: Nel finale di tempi regolamentari chiama Pau Lopez al miracolo. Ad inizio supplementari costringe al fallo da ultimo uomo l’estremo difensore spagnolo.)

SAPONARA 8,5: Debutto da titolare da sogno. Splendido pallone in verticale a Maggiore che conquista il calcio di rigore. Raddoppio con una vera e propria perla con un destro a giro imparabile all’incrocio del palo lontano. Staziona alla perfezione nel 4-3-3 da esterno d’attacco. Aggiunge classe e qualità a tutte le giocate offensive delle Aquile. Splendido il pallone in verticale di prima intenzione su cui stendono Maggiore al limite dell’area. Entra anche nell’azione del gol di Verde e poi decide di chiudere i conti con una vera e propria perla in pallonetto che vale la doppietta personale.

ITALIANO 7,5: Finiti gli aggettivi. Cambia 9/11 e se la gioca, come sempre, a viso aperto contro una corazzata come la Roma. Giallorossi sorpresi dall’avvio arrembante della squadra bianca. Poi il suo Spezia sa anche soffrire nel momento migliore degli avversari. I cambi come sempre incidono: vedi Verde, Acampora e Dell’Orco che entrano benissimo. Mette la firma su un’altra impresa storica: il suo Spezia continua a scrivere pagine di storia aquilotta!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da Pagelle