Calcio Spezia
Sito appartenente al Network

Al “Bentegodi” una mediana tutta da inventare

Capitan Maggiore non recupera: a Verona non ci sarà l’unico vero punto fermo del centrocampo. La mediana rimane un rebus. Ecco tutte le soluzioni alternative per Thiago Motta

Non riuscirà a recuperare in tempo per la sfida salvezza di domenica al “Bentegodi” Capitan Giulio Maggiore.

La botta subito sotto il ginocchio ricevuta a inizio ripresa contro il Milan costringerà uno dei pochi punti fermi di questo Spezia a fermarsi a titolo precauzionale.

Lo staff medico aquilotto non vuole rischiare il centrocampista, ma recuperarlo appieno sfruttando anche la sosta per le nazionali.

Quale mediana contro gli scaligeri di Tudor?

La composizione del centrocampo contro i gialloblu è sempre più un rebus.

Un punto fermo dovrebbe essere Bourabia che continua a crescere in condizione e che sia contro la Juventus che contro il Milan ha offerto due grandi prestazioni.

Vi sono poi i due terzini Sala e Salva Ferrer che Thiago Motta ha “reinventato” per emergenza quali centrali di centrocampo.

Sta cercando di bruciare le tappe, e sembra ci stia riuscendo, per rientrare il più presto possibile Viktor Kovalenko.

L’ucraino potrebbe già rientrare questa domenica per la delicata sfida ai gialloblu.

Sarebbe un recupero importantissimo con l’ex Atalanta che potrebbe inserirsi proprio al posto di Maggiore nel 4 – 2 – 3 – 1 aquilotto.

E poi c’è l’ultimo arrivato ossia Aurelien Nguiamba: l’ex Nancy ha svolto ieri il suo primo allenamento completo agli ordini di Thiago Motta.

Proprio l’allenatore deciderà l’ultimo giorno utile se portarlo in gruppo con il resto dei compagni e utilizzarlo magari a gara in corso.

Del resto la coperta è corta in mezzo per lo Spezia: il lungo stop a Leo Sena, gli infortuni ad Agudelo e Reca e i continui probleni fisici di Kovalenko hanno messo in luce qualche problema nel reparto.

Inoltre il giovane Sher per ora non ha convinto Motta che ha sempre lasciato lo svedese aggreggato alla Primavera senza mai convocarlo con il resto del gruppo in Prima Squadra.

Certo in una situazione di emergenza come questa il ragazzo andrebbe quantomeno portato in gruppo vista l’emergenza.

Gli altri reparti

In  difesa si sta facendo il possibile, e l’impossibile, per recuperare Martin Erlic.

Sul ritorno del croato, promesso sposo del Sassuolo la prossima stagione, ci sono buone sensazioni.

Sarà invece sicuramente out l’ex di turno Ebrima Colley: il suo recupero avverrà non prima di due settimane.

Insomma lo Spezia che si presenterà al “Bentegodi” avrà dalle sei alle otto assenze, un ulteriore ostacolo in una partita già di per sé difficile e delicatissima.

Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Supporters aquilotti, chi mandereste in campo domani se foste al posto di D'Angelo?...
Ecco quelle che, secondo la nostra redazione, potrebbero essere le scelte di Luca D'Angelo per...

Dal Network

Il tecnico rossoverde parla in conferenza stampa dopo il pareggio tra Fere e Aquilotti al...
Il commento in chiave rossoverde: "Dopo l'illuisione, la doccia fredda a partita finita"....
Breda dovrebbe schierare un 3-5-2, Pereiro Jolly tra attacco e trequarti...
Calcio Spezia