Resta in contatto

Approfondimenti

Francesco Farioli “bloccato” dallo Spezia: è lui il dopo Italiano?

Secondo quanto riportato da Sky Sport da via Melara si penserebbe al giovane italiano che allena in SuperLig. Stile di gioco e lavoro con i giovani assomigliano a quelli del tecnico spezzino. Ecco il suo identikit…

Stando quanto riportato da Sky Sport intorno alla mezzanotte di ieri lo Spezia avrebbe “bloccato” Francesco Farioli come possibile sostituto di Vincenzo Italiano.

La carriera

Inizia giovanissimo come allenatore dei portieri nei campionati dilettanstici e ben presto si fa notare venendo chiamato alla Lucchese.

Da lì il salto in Qatar dove collabora alla formazione dei giovani portieri qatarioti in vista del mondiale del 2022.

Lo nota Roberto De Zerbi impressionato dalla lettura di un suo report di una partita di Coppa Italia del 2015 tra il suo Foggia e la Lucchese.

Il tecnico lo vuole con lui nella sua avventura con il Benevento e lo conferma anche al Sassuolo nel proprio staff.

In seguito, dopo aver tenuto una lezione alla “Masia” ai tecnici del Barcellona, eccolo approdare in Turchia dove diventa vice allenatore di Cagdas Atan dell’Alanyaspor.

Primo allenatore

La grande occasione gliela concede il Fatih Karagumruk che gli fa firmare un contratto di due anni e mezzo e lo pone alla guida della sua Prima Squadra.

Nel suo staff ecco lo spezzino ed ex Spezia David Sassarini, mentre in rosa gli italiani Viviano, Bertolacci e Borini e tanti ex Serie A come Biglia, Zukanovic, Castro, Balkovec e Jorquera.

E’ subito un successo perchè il neo promosso club rossonero di Instanbul chiude al settimo posto battendo in trasferta i futuri campioni del Besiktas e imponendo il pari al Galatasaray vice capolista.

Cinque vittorie, quattro pareggi e due sconfitte nelle ultime undici partite di campionato nonostante una rosa ridotta all’osso per via delle positività al Coronavirus.

Farioli è riuscito a portare la squadra rossonera dalla zona retrocessione alla possibile qualificazione alla Conference League mancata per sole quattro lunghezze.

Identikit

Farioli è un tecnico giovane, classe ’89, ma che allena già dalla stagione 2009/2010 e che ha avuto una forte impennata di carriera grazie a risultati importanti.

Laureato in filosofia all’Università di Firenze con una tesi dal titolo «Filosofia del Gioco. L’estetica del calcio e il ruolo del portiere».

Il testo viene valutato così positivamente tanto da essere pubblicato a Coverciano ottenendo una borsa di studio con l’associazione allenatori dei portieri.

Farioli ama lavorare con i giovani e ha dimostrato di saper valorizzare al massimo la propria rosa.

Utilizza uno schema di gioco 4-3-3 molto simile a quello di Italiano dove gli esterni d’attacco e il centravanti sono chiamati a un grande lavoro e i terzini sono quasi attaccanti aggiunti.

Molto importante il ruolo del portiere che partecipare all’azione come vero e proprio giocatore di movimento.

Non per niente Consigli del Sassuolo fu il portiere con il più alto numero di passaggi filtranti riusciti in Europa nella stagione in cui Farioli collaborò con De Zerbi.

O per esempio si ricorda il gol di Brignoli al Milan quando lo stesso Farioli era preparatore dei portieri del Benevento.

Lo stesso David Sassarini, suo vice, in un’intervista esclusiva ci confessò come lo stile di gioco del Fatih Karagumruk ricordasse tremendamente quello dello Spezia di Italiano.

Consigliò anche l’esterno d’attacco Alassane Ndao, 24enne senegalese, reduce da una stagione con 11 gol e 9 assist in 38 partite.

Sul giocatore vi sono già molte richieste pervenute al club turco, ma chissà…

 

Photo Credits: Fatih Kragumruk

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] Molto attuale rimane il nome del giovanissimo 32enne allenatore italiano dei turchi del Fatih Karagumruk Francesco Farioli di cui vi abbiamo parlato ieri (LEGGI QUI). […]

Altro da Approfondimenti