Resta in contatto

Approfondimenti

L’insostenibile leggerezza dell’essere Ricky Saponara

Dal “cucchiaio” con la Roma al diagonale del “Bentegodi”: dal “Colosseo” all’Arena di Verona il finale di stagione delle Aquile può passare dai piedi del N°23

Il suo nome era apparso per la prima volta nei radar “aquilotti” a inizio gennaio: era il periodo del mercato invernale e si pensava a lui come rinforzo di qualità per la squadra di mister Italiano.

Una squadra neopromossa che impressionava per il gioco espresso, ma che aveva bisogno di giocatori abituati a calcare i campi della Serie A e che apportassero un “surplus” di qualità.

Non era ancora arrivato al “Picco” che già su di lui erano piovute critiche da più parti dai tanti, troppi, “allenatori” espert in materia.

E’ un trequartista, non può giocare esterno d’attacco” la più gettonata, ma anche un “Non si sposa con gli schemi di Italiano” o ancora “E’ sempre infortunato” passando per i “Ha sempre fatto male negli ultimi anni.

Il cucchiaio e l’ex capolista

Le critiche e le perplessità Riccardo Saponara le fece rimangiare subito a tutti, alla prima uscita ufficiale in maglia “bianca”. Prestazione fantascientifica in Coppa Italia contro la Roma impreziosita da una doppietta da stropicciarsi gli occhi per avere la sicurezza di essere svegli davanti al televisore. Tiro all’incrocio dei pali ad aprire il match, cucchiaio dal limite dell’area nello stadio di chi del “cucchiaio” aveva fatto la sua firma a chiuderlo.

Qualche problemino fisico ne ha rallentato il prosieguo di stagione, ma poi eccolo palesarsi nuovamente in tutto il suo splendore tecnico/atletico nella sfida di febbraio contro il Milan. Ecco, in quella partita abbiamo visto il miglior Saponara: stop, agganci, giocate di qualità e corsa. Tanta, tantissima corsa a raddoppiare dando manforte al terzino, a recuperare palloni, a scattare in avanti pronto a ricevere il passaggio di un compagno. E di fronte aveva un certo Theo Hérnandez…

In quella partita ha dimostrato, per chi ancora non lo avesse capito, che l’esterno d’attacco lo può fare benissimo. Un dato poi significativo: contro il Milan ha fatto registrare lo scatto più veloce per un giocatore nell’attuale campionato di Serie A.

Dopo gli alti, anche i bassi: contro l’Udinese un’espulsione per due ammonizioni a pochi minuti di distanza dettati per lo più dalla foga di recuperare il risultato. Male a Firenze, poi l’infortunio con il Parma prima della mezzora di gioco. Un problema alla caviglia lungo e fastidioso che lo ha tenuto fuori fino a ieri.

Dall’Olimpico al Bentegodi, dal Colosseo all’Arena

Spezia sotto al “Bentegodi” con i suoi attaccanti veramente in giornata no: Italiano si gioca il N°23 sulla ruota di Verona. Tre minuti dopo il suo ingresso in campo riceve il passaggio in verticale di Agudelo e da posizione defilata incrocia il diagonale piazzandolo tra le gambe di Silvestri. Prima rete in campionato in sei presenze con la maglia “bianca”: un gol potenzialmente pesantissimo!

Se per salvarsi in Serie A ci vuole qualità, quella qualità è indubbio che lo Spezia la possa trovare nei piedi e nella testa di Riccardo Saponara.

Come un gladiatore moderno palesatosi al “Colosseo” con una doppietta, eccolo rientrare giusto in tempo per il rush finale di questo tiratissimo campionato con una pesantissima rete all’ombra dell’Arena di Verona.

Insomma se questo Spezia metterrà il “lieto fine” alla bella pagina sportiva scritta finora in Serie A avrà bisogno di tutta la qualità e di tutta la leggerezza di un ragazzo arrivato da Firenze tra le critiche e che invece è riuscito a far innamorare i tifosi già tre volte: con un cucchiaio all’Olimpico, contro una capolista annicihilita al “Picco” e ora con un gol pesante sotto l’Arena.

Perchè Riccardo Saponara può essere tutto, fuorché un giocatore banale…

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] quello splendido gol dopo appena tre minuti di gioco dal suo ingresso in campo Riccardo Saponara non ha solo trovato la sua prima rete in campionato con la maglia dello Spezia, ma ha anche rimesso […]

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti