Resta in contatto

Le pagelle di Calciospezia

SPEZIA-INTER 1-1, LE PAGELLE DI CS: CLONATE ESTEVEZ!

Provedel ritorna “Super Ivan”. Un rientro sontuoso per Claudio Terzi. Fanno fatica Ricci e Salva Ferrer. Galabinov non entra in partita. Partita di sacrificio e carattere per Maggiore.

PROVEDEL 7,5

Rimette in cantina la brutta copia vista al Dall’Ara e torna “Super Ivan”. Nel primo tempo un’uscita provvidenziale in anticipo su Lukaku, ma è nella ripresa che si supera. Doppio intervento a tu per tu con il centravanti belga. In precedenza una smanacciata importantissima per deviare il pallone di Peresic recapito sulla testa del N°9 avversario. Conclude la partita disinnescando due volte, una con l’aiuto del palo, Lautaro. Miglior modo possibile per festeggiare la paternità.

SALVA FERRER 5,5

Non la sua miglior partita. Soffre un Peresic comunque non irresistibile e sbaglia in maniera abbastanza goffa anche un paio di semplici appoggi. Mister Italiano lo lascia negli spogliatoi all’intervallo.

TERZI 7,5

Non giocava da tempo. Spesso criticato, da vero professionista rientra e fa una partita con i fiocchi. Eccezionale la sua marcatura su un big della Serie A come Lukaku. Elegante quando in scivolata in area chiude gli spazi. Ferma una splendida azione dell’Inter tutta di prima con una chiusura in angolo sontuosa: esulta come se avesse segnato un gol e ne ha ben donde.

ISMAJLI 6,5

Una partita praticamente perfetta in marcatura su Lautaro Martinez e in raddoppio su Lukaku fino a quel doppio errore in disimpegno che poteva costare davvero caro. Per suo fortuna c’è “San Provedel” a tenere in piedi la baracca con un doppio intervento mostruoso.

MARCHIZZA 6,5

Ha il cliente più difficile ossia quell’Hakimi che va a un’altra velocità rispetto a tutti gli altri ventuno in campo e che crea grattacapi. Lo tiene a bada come può con l’aiuto di Maggiore in raddoppio. Una partita difficilissima, ma lui c’è!

ESTEVEZ 7,5

Quanto mancava allo Spezia. Il migliore in campo! E’ ovunque, lo trovi ovunque e fino al 95°. Raddoppia in difesa, sradica palloni a centrocampo, li rende giocabili per i compagni. Esemplare: clonate Nahuel!

RICCI 5

Involuto come si era visto già nelle sfide con Crotone e Bologna. Fatica a trovare il passo e i tempi giusti del passaggio. Italiano dalla panchina lo richiama spessissimo chiedendogli la giocata che gradirebbe vedere, ma non viene accontentato. Il tecnico “lo minaccia” anche con la possibile sostituzione, ma alla fine gioca comunque tutta la partita.

MAGGIORE 6,5

Partita di grandissimo sacrificio e sofferenza: non può inserirsi in avanti perché deve aiutare Marchizza nei raddoppi sulla catena di destra nero azzurra Hakimi-Barella. Mette in mostra tanta corsa e pressing e i suoi soliti recuperi palla. Ad inizio ripresa è lui a fermare due azioni interiste con due provvidenziali recuperi.

AGUDELO 6

Entra nell’azione che porta al gol del momentaneo vantaggio con un taglio di campo preciso per Diego Farias. Gioca a sprazzi alternando buone cose e cose rivedibili. Troppo innamorato del pallone: spreca una grandissima ripartenza nel primo tempo di due contro due che poteva portare al raddoppio aquilotto.

PICCOLI 6

Bastano pochi palloni per avere il rimpianto del suo mancato utilizzo al Dall’Ara. Rispetto a Nzola pressa su tutti i portatori di palla avversari e dimostra ottima condizione fisica. Certo non è una partita facile e non gli arrivano palloni giocabili, ma ci mette grinta e corsa: quello che serve in queste gare.

DIEGO FARIAS 6,5

Stop con la suola a portarsi avanti il pallone e conclusione secca su cui Handanovic si fa sorprendere. Una rete pesantissima quella di “O Magìc0“. Come sempre poi gioca una sola frazione perdendosi nel secondo tempo cercando una giocata a effetto che non riesce e facendo “disperare” Italiano per i mancati raddoppi sulla corsia di sinistra.

VIGNALI 6

Era stato il migliore nella sconfitta del Dall’Ara, si conferma in forma anche con la capolista. Entra e presidia bene la corsia di competenza. Peresic gli scappa solo una volta. In pieno recupero una chiusura decisiva su uno degli ultimi tentativi avversari.

GALABINOV 5

Entra al 62° e a differenza di Piccoli in trentacinque minuti che resta in campo non ci fa vedere né uno scatto né un po’ di pressione ai portatori di palla avversari. Appare un corpo estraneo alla squadra.

DELL’ORCO 5,5

Si rivede dopo un lungo periodo di assenza: a sinistra soffrendo Hakimi.

GYASI S.V.

Dentro nel finale, ma non ha il tempo di mettersi in mostra.

LEO SENA S.V.

Anche per il “passista” brasiliano vale il discorso fatto per Gyasi. Sarebbe, magari, potuto entrare prima posizionandosi in cabina di regia al posto di un “appannato” Ricci.

ITALIANO 7

Il cuore oltre l’ostacolo: prestazione d’orgoglio e sofferenza per il suo Spezia contro una corazzata come l’Inter. Il divario tecnico in campo è veramente evidente, ma la grinta e la forza del Gruppo sono una delle compenenti della sua squadra. Non convice il cambio Piccoli-Galabinov con il bulgaro in campo troppo presto e praticamente sempre “inchiodato” a centro area. Punta ancora su Ricci che non lo ripaga.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da Le pagelle di Calciospezia