Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Josip Ilicic, lo “sloveno fragile” pericolo N°1 per lo Spezia

La storia del fantasista sloveno dell’Atalanta è stata una di quelle che ha fatto commuovere l’Italia e riscoprire la forza dello sport nell’anno più triste per il calcio segnato dalla pandemia

Un anno esatto fa, questa sera a Valencia, la gara di Champions in cui Ilicic con un poker trascinò la Dea ai quarti di finale che poi divennero Final Eight. Prima del buio perché, come ricorda La Gazzetta dello Sport, il Covid ha poi colpito duramente il fantasista sloveno, ammaccandogli anche l’anima.

Come ricordano i colleghi di CalcioAtalanta.it la squadra bergamasca fu infatti l’ultima squadra italiana a scendere in campo prima dello stop forzato a causa dell’emergenza coronavirus.

Ora il talento dello “sloveno fragile” metterà a dura prova la retroguardia dello Spezia se mister Gasperini deciderà di non risparmiarlo in vista poi del ritorno degli Ottavi di Finale di Champions League contro il Real Madrid.

IL BLACK OUT ALLE SPALLE – Il virus lo colpì e lui cadde nell’incubo vissuto da Bergamo, uomo fragile e volatile come i suoi dribbling. Proprio all’apice della sua carriera, protagonista assoluto della Champions e candidato, si diceva, a una nomina per il Pallone d’Oro.  All’improvviso sentì un “clic” e il black out prese il sopravvento insieme allo sconforto e all’impotenza. Da metà giugno all’inizio di settembre, quando l’amore di Josip per il calcio trionfa e il calcio recupera uno dei suoi geni più amati: è stato un rischio reale, e forse ogni tanto Ilicic ci pensa ancora.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Far sentire i tacchetti subito…non ti ammoniscono!!!!

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da L'angolo dell'avversario