Resta in contatto

News

Iachini: “Ribery e Pezzella ci saranno contro lo Spezia”

Il tecnico dei viola presenta la gara contro le aquile: “Callejon l’ho voluto io. Borja Valero ancora non è ancora al meglio e purtroppo dovrà aspettare ancora un po'”

Giuseppe Iachini, tecnico della Fiorentina, alla vigilia della sfida contro lo Spezia ha parlato in conferenza stampa per presentare la gara contro le Aquile.

Callejon può giocare nel 3-5-2?
“Ë un giocatore che ho voluto io, la società mi ha accontentato. È un ragazzo di qualità, ci ho parlato al telefono per convincerlo a sposare il progetto viola. È rimasto ben impressionato. Noi non giochiamo col 3-5-2, nello sviluppo dell’azione alziamo un esterno e Biraghi scivola nella difesa a 4. Oggi i sistemi di gioco rigidi non ci sono. È lì che entra in ballo la posizione di Callejon, soprattutto in fase offensiva. Quando c’è da difendere, come ha fatto a Napoli, può scendere nei 5 di centrocampo. Siamo alla ricerca dei nostri nuovi equilibri, che dobbiamo sviluppare. Sono tranquillo, sono convinto che questo gruppo di ragazzi possa fare un bel lavoro”.

La Fiorentina ha il settimo monte ingaggi della serie A. L’obiettivo in campionato deve essere il settimo posto?
“Ne parliamo anche fra di noi ma il calcio non è una scienza esatta. Non è detto che se spendi una certa cifra, hai subito lo stesso risultato sul campo. Ci dobbiamo arrivare, abbiamo tanti giovani che stanno lavorando per migliorare”.

Come stanno i giocatori, soprattutto dopo gli impegni delle Nazionali
“Abbiamo un altro allenamento domani mattina. Pezzella, Ribery e Castrovilli sono disponibili. Borja Valero ancora non è ancora al meglio e purtroppo dovrà aspettare ancora un po'”.

La rosa è completa dopo il mercato?
“Sono felice della mia squadra, sono convinto che con questo gruppo possiamo toglierci grandi soddisfazioni. Dobbiamo lavorare, non ho la bacchetta magica, io credo solo nel lavoro”.

Domani sarà la prima partita senza Chiesa
“Mi assumo una responsabilità. Se avessi saputo che sarebbe scoppiato quel polverone, avrei fatto scelta. Nel momento in cui sono mancati sia Pezzella che Ribery, non sapendo che poi sarebbe andato alla Juventus, ho fatto una scelta sulla base delle gerarchie. Col senno di poi mi dispiace. Adesso non serve parlare di chi non c’è, dobbiamo parlare solo di chi c’è. Non dobbiamo rimpiangere la partenza di un ragazzo che ha fatto bene in questa società”.

Deluso dal mancato arrivo di un regista o di una punta?
“Con la partenza di Badelj, volevamo prendere un giocatore per sostituirlo, in modo da avere due titolari per ruolo. Nello sviluppo del mercato, abbiamo capito che Amrabat vuole giocare davanti alla difesa, per questo motivo vogliamo lavorarci per farlo crescere in questo ruolo. Detto questo, non è che giochiamo sempre a tre, possiamo giocare anche a due. E Amrabat può fare bene in entrambe le situazioni. Per quanto riguarda la punta, non è capitata un’opportunità di mercato, ma noi abbiamo tre ragazzi di prospettiva in attacco. Faccio un esempio: Ciccio Caputo a 23 anni non era in serie A, ora segna 20 gol a stagione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da News