Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Esposito: “Il Picco mi ha colpito, non hanno mai smesso di cantare e questo è importantissimo”

Il centrocampista arrivato dalla SPAL si presenta: “Spezia passo e ambiente giusto per la mia carriera, voglio affermarmi in Serie A. De Rossi il mio idolo, sogno la Nazionale. Gotti mi dà consigli giusti, mi sono trovato subito bene con lui.

E’ andata in scena nella tarda mattina odierna la conferenza stampa di presentazione di Salvatore Esposito, secondo acquisto invernale dello Spezia dopo Joao Moutinho.

Ecco le sue principali dichiarazioni.

SPEZIA – Passo e ambiente giusto per la mia carriera: è stato facile scegliere, sono contento di essere qui. Mi è bastato parlare una volta sola con i due direttori per convincermi.

ACCOGLIENZA E PRIME IMPRESSIONI – I ritmi sono più alti in Serie A e con il lavoro dello staff mi rimetterò presto in pari. L’accoglienza dei compagni è stata fantastica e non è una cosa che succede sempre o scontata, l’ambiente è familiare“.

GOTTI –  Con il mister mi sono trovato subito bene, cerco di far fin da subito quello che mi chiede“.

SPAL – Solo belle parole per la città di Ferrara, i miei ex compagni, il mio ex allenatore e i miei ex tifosi. Al presidente Tacopina non ho niente da dire, ha già risposto lui il mio agente ed è più che sufficiente“.

PARAGONE CON DE ROSSI –  Fin da bambino è stato il mio idolo, ma parliamo di uno che a 22 anni ha vinto il Mondiale. Spero di ripercorrere i suoi passi, ma con i paragoni bisogna andarci con i piedi di piombo“.

ERRORE CON LA ROMA – Gotti mi ha spiegato dove devo migliorare già dopo la gara di Bergamo in Coppa Italia. Mi dispiace per quanto successo con la Roma, un errore che ha portato al 2-0 e ha indirizzato la partita. Lavorerò per migliorare ulteriormente“.

ALLENATORI –Da ogni allenatore ho sempre cercato di apprendere il meglio. Se devo indicarne uno con cui ho avuto un rapporto più speciale dico proprio De Rossi: mi ha dato tanto.

ITALIA – La Nazionale è più un sogno che un obbiettivo. Mi reputo già fortunato a farne parte, il C.T. Mancini guarda molto ai giovani. Io sono molto contento anche di far parte dell’Under21. Sono partito dalla Serie C e ho veramente tanta fame: sono qui per dimostrare di poter stare in Serie A, ho voglia di affermarmi“.

PICCO – Devo dire che lo stadio mi ha proprio colpito, è stato emozionante. Anche dopo aver incassato il 2-0 i tifosi ci hanno trascinato senza smettere di cantare mai e questo per me è molto importante, penso che sia importante soprattutto per una squadra che si deve salvare.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News