Resta in contatto

Approfondimenti

Otto giornate alla fine, sforzo salvezza per la Spezia

Per le Aquile approccio da rivedere, ma questa è una squadra che non molla mai!

In attesa del posticipo di questa sera con il Benevento lo Spezia, dopo la rocambolesca e voluta vittoria con il Crotone, vanta 10 punti di vantaggio sul terzultimo posto occupato dal Cagliari.

E’ comunque bene restare con i piedi per terra perché, come si è visto ieri a San Siro, i sardi sono tutt’altro che spacciati.

La squadra di Semplici contro la capolista è apparsa viva, in partita e capace di contendere ai nero azzurri il risultato fino alla fine.

Calendario e atteggiamento

Sulla carta, tra l’altro, i rossoblu sardi sono favoriti da un calendario più soft nelle ultime otto giornate, mentre lo Spezia solo in casa dovrà affrontare proprio Inter, Napoli, Torino e Roma ossia tutte squadre che stanno lottando per i loro obbiettivi stagionali.

Quindi tutti sul pezzo per Italiano a cominciare da domenica al “Dall’Ara” dove bisognerà strappare punti pesanti.

Per farlo è necessario cambiare completamente lapproccio mentale con cui la squadra è scesa in campo contro il Crotone.

L’undici bianco è apparso teso e contratto probabilmente perchè ben conscio dell’alta posta in palio della sfida.

Dall’altro punto di vista ha mostrato ancora una volta che questa è una squadra che non molla mai!

A certificarlo, se ce ne fosse bisogno, il fatto per cui lo Spezia è, dopo la capolista Inter, la squadra ad aver totalizzato più punti in situazione di svantaggio in Serie A, ben tredici.

Un altro dato incoraggiante si può trovare alla voce “reti realizzate”: ben 40!

Quello di mister Italiano, che ha sempre in Nzola con 9 gol e a secco dall’11 gennaio il suo miglior marcatore, è il decimo miglior attacco della Serie A.

Tredici giocatori a segno: dietro il franco angolano ecco Verde a quota 5 e la coppia Gyasi – Piccoli con 4.

Non solo campionato

La partita del Dall’Ara assume quindi un’importanza rilevante visto che si tratta di un altro scontro diretto.

Per la precisione è la terza volta in stagione che lo Spezia incrocia i tacchetti contro il Bologna.

Appena ricordato in precedenza il pareggio dell’andata in campionato (LEGGI QUI) bisogna ricordare come le due squadre si siano sfidate anche in Coppa Italia.

In quella gara si impose la formazione di mister Vincenzo Italiano passando per 2-4 sul terreno amico dei felsinei.

Era il 25 novembre 2020 e all’immediato vantaggio di Piccoli risposero Barrow e Orsolini, poi ecco il 2-2 di Diego Farias.

Ai supplementari salì in cattedra Capitan Giulio Maggiore con una fantastica doppietta che qualificò lo Spezia.

Primo gol sensazionale con un destro a giro “alla Del Piero“, raddoppio su invito di Diego Farias.

Bilancio ultra positivo

Ovviamente non siamo sciocchi: tutti avrebbero firmato per una classifica del genere a otto giornate dal termine del campionato.

La squadra di Italiano si sta dimostrando in un buon periodo e, tenendo anche conto del furto dell’Olimpico con la Lazio, ha fatto meno punti solo delle prime sette in classifica incrementando il proprio vantaggio sulla “zona rossa” in maniera importante.

I sardi, come si diceva, hanno un calendario più abbordabile dello Spezia, ma dovranno tenere una media di circa 2 punti a partita per provare a centrare la salvezza.

Tutto quindi è nelle mani, nei piedi e nella testa di Vincenzo Italiano e dei suoi ragazzi!

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti