Resta in contatto

News

Lo Spezia tenta l’affondo per Osti. Pronto un triennale

Il Ds aquilotto Pecini vuole convincere la famiglia Platek a puntare sul dirigente della Sampdoria.

Lo Spezia continua a lavorare alacremente in vista della stagione 2022-23. L’attenzione del club di Via Melara non è rivolta soltanto ai giocatori da mettere a disposizione del neotecnico Luca Gotti ma anche allo staff dirigenziale.

Non è un mistero, ormai, la volontà del Ds aquilotto Riccardo Pecini di convincere la famiglia Platek, proprietaria del sodalizio ligure, ad ingaggiare l’amico Carlo Osti con cui ha già collaborato durante la sua esperienza alla Sampdoria.

L’edizione odierna de Il Secolo XIX riporta quella che potrebbe essere la proposta che verrà presentata al dirigente blucerchiato, che nelle scorse ore ha già avuto un contatto diretto con il club di Via Melara (Leggi Qui).

Triennale a meno di un milione di euro lordo con ingaggio spalmato. Sarebbe, in pratica, una spalmatura dell’ingaggio sensibilmente più ampio che percepisce in blucerchiato, con tanto di bonus da 50.000 euro cumulabili per salvezza, posizionamento in classifica (12°-16° posto) e qualificazione alla Conference League. In aggiunta, una clausola legata al paracadute: il tutto si dimezza in caso di retrocessione. Questo, secondo il quotidiano, potrebbe essere il contratto che Pecini avrebbe proposto alla proprietà per convincere Osti ad intraprendere la nuova avventura.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News