Resta in contatto

Ex aquilotti

Il “tifoso” Ranieri, l’ex capitano Bianchi e il portiere Fiorillo: c’è un po’ di Spezia nella Salernitana

Anche Milan Djuric avrebbe potuto avere una maglia diversa domani se la scorsa stagione…

Storie diverse, storie particolari nella Salernitana che affronta domani lo Spezia in una delicatissima sfida salvezza al “Picco“.

C’è quella di Alberto Bianchi, grande ex di turno e ancora amatissimo dal popolo bianco.

Centrale difensivo, ma all’occorrenza anche terzino destro, Bianchi ha scritto pagine bellissime della storia dello Spezia totalizzando 103 presenze e 8 gol in maglia bianca.

Vestì la casacca dello Spezia, di cui è stato anche capitano, in tre diversi periodi l’ultimo dei quali si chiuse con la stagione 2011/2012.

In seguito le esperienze con Virtus Entella, Ascoli e proprio alla Salernitana dove chiuse la carriera e dove ora ricopre il ruolo di Team Manager del club campano.

Luca Ranieri, un altro “spezzino DOC” in massima serie

Anche per Luca Ranieri quella di domani sarà sicuramente una gara emozionante.

Il 22enne difensore mancino è nato e cresciuto alla Spezia dove ha iniziato a tirare i primi calci a un pallone con la maglia del Canaletto Sepor.

In seguito è stata la Fiorentina a puntare su di lui tanto che tutt’ora ne detiene la proprietà dal cartellino.

Oltre che con la maglia viola, con cui ha disputato tre gare in Serie A e due in Coppa Italia, la carriera di Ranieri si sviluppa con le maglie di Foggia, Ascoli e Spal.

Proprio a Ferrara nella scorsa stagione il definitivo salto di qualità cui segue la chiamata dell’Under21 per l’Europeo di categoria.

Quest’estate sembrava molto vicino a vestire la maglia dello Spezia, soprattutto durante le trattative per liberare Italiano e il suo staff per i viola, ma alla fine fu la Salernitana a ingaggiarlo.

Finora con i campani 5 presenze e 2 ammonizioni.

A lui, da sempre tifoso delle Aquile, farà sicuramente uno strano effetto affrontarle da avversario in Serie A sul terreno amato del “Picco“.

Un po’ come successo a Pietro Ceccaroni, altro spezzino DOC e capitano del Venezia: si spera che il risultato sia lo stesso di quello ottenuto contro i lagunari per lo Spezia.

Da “nuovo Buffon” a retrocesso con il Pescara: Fiorillo ora guarda le spalle a Vid Belec

E’ arrivato quest’estate alla corte di Castori da svincolato dal Pescara retrocesso in Serie C.

Dopo 224 presenze con il Delfino al momento morde il freno in granata chiuso da Vid Belec.

Lui è Vincenzo Fiorillo ex promessa della Sampdoria che passò anche dal “Picco” precisamente nella stagione 2010/2011 nel Girone A di Lega Pro.

Chiuse quell’annata scendendo in campo in otto occasioni subendo 11 reti e mantenendo inviolata la porta aquilotta in due partite.

Domani sarà probabilmente ancora in panchina, ma i tifosi delle Aquile di certo non si sono dimenticati di lui.

Le “sliding doors” di Milan Djuric

Poteva essere diversa anche la storia di Milan Djuric: il possente centravanti bosniaco fu cercato da Meluso nella scorsa stagione, ma alla fine non se ne fece niente.

Rimasto a Salerno, mentre lo Spezia è stato artefice del miracolo salvezza in Serie A, il centravanti è stato protagonista della trionfale scalata alla massima serie dei campani.

Nell’ultimo turno si è sbloccato trovando la sua prima rete stagionale in sei partite e certificando la prima vittoria dei campani.

Domani tenterà di ripetersi cercando di gonfiare la rete di quella che sarebbe potuta essere la sua squadra.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Ex aquilotti