Resta in contatto

Approfondimenti

Da Man a Pellè passando per il giovane Zirzkee: il mercato del Parma alla ricerca del gol perduto

I “Ducali” hanno investito molto nella sessione invernale di mercato per rinforzare il reparto offensivo di mister D’Aversa, ma anche la difesa. Sei i volti nuovi rispetto alla gara dell’andata

Sarà un Parma diverso rispetto a quello dell’andata quello che si presenterà al “Picco” per la delicata sfida salvezza con lo Spezia sabato prossimo. Diverso perchè sulla panchina gialloblu siede nuovamente Roberto D’Aversa e non più Fabio Liverani, ma diverso anche perchè cambiato negli uomini da una sessione di mercato invernale molto intensa da parte dei ducali.

Il problema attacco

Il Parma detiene il non invidiabile record di peggior attacco del campionato con appena 17 reti realizzate. Il capocannoniere della squadra è il centrocampista Kucka con cinque reti di cui tre realizzate su rigore. Lo segue a quattro Gervinho con l’attaccante della Costa d’Avorio che non è però stato convocato per scelta tecnica contro l’Udinese: per sapere se al “Picco” ci sarà bisognerà capire l’evolversi della situazione. La stessa situazione che sta vivendo il centrocampista Kurtic autore di due reti e, in caso di convocazione, possibile sostituto dello squalificato Brugman. A tre segnature Hernani. Mentre la rete messa a segno contro i friulani è stata la prima in stagione per l’attaccante danese Cornelius che ha così raggiunto i compagni Gagliolo e Karamoh. Quello del Parma è stata quindi una sessione invernale di mercato molto intensa per cercare di invertire la rotta.

Investimenti sul mercato per ritrovare la via del gol

A gennaio il direttore sportivo Carli ha quindi operato, soprattutto nei giorni finali, per rinforzare il reparto offensivo. In gialloblu sono quindi arrivati Man, Zirkzee e Pellè. Il primo, romeno classe ’98, è una seconda punta prelevata dallo Steaua Bucarest per 15 milioni di euro che lo hanno fatto diventare il calciatore più caro acquistato dal campionato rumeno. Con lui a Parma sognano di ripercorrere i tempi che furono con Adrian Mutu (18 gol in una sola stagione, ndr). Al momento dell’acquisto Man (nella foto nel derby emiliano contro il Bologna) era il capocannoniere del massimo torneo rumeno con 14 gol realizzati. Per ora quattro le partite giocate per un totale di 81′ minuti e nessun gol. Zirkzee è un giovanissimo quanto promettente centravanti classe 2001 arrivato in prestito dal Bayern Monaco e per cui il Parma ha dovuto vincere una folta concorrenza di squadre interessate. Olandese di origini congolesi con la prima squadra del Bayern, pur così giovane e chiuso da una folta concorrenza in attacco, ha disputato 12 incontri realizzando 4 gol. Il Parma ne possiede il diritto di riscatto a 15 milioni. Per ora due gli incontri disputati con i ducali. Infine ecco il “cavallo di ritornoGraziano Pellè esperto centravanti giramondo che a Parma aveva già giocato disputando 12 partite con 1 rete. Arriva da svincolato ed è reduce da 51 reti in 101 presenze in Cina con lo Shandong Luneng. In precedenza aveva militato in Inghilterra con i “Saints” del Southampton (68 presenze e 23 reti) e con gli olandesi del Feyenoord (57 presenze e 50 reti). L’ex centravanti della Nazionale Italiana non ha però preso parte alla gara con l’Udinese per un problema muscolare. D’Aversa cercherà di recuperarlo, ma non è detto che ce la faccia per la sfida del “Picco”.

Non solo attaccanti

Nella sessione invernale di mercato il Parma ha cercato di rinforzare anche il reparto difensivo, tra i più perforati del campionato. Ecco quindi l’acquisizione in prestito del centrale difensivo Mattia Bani arrivato dal Genoa, ma che con lo Spezia non vi sarà a causa squalifica. Potrebbe essere quindi l’esperto Bruno Alves il sostituto più plausibile. Per le corsie difensive ecco Andrea Conti arrivato in prestito dal Milan in cerca di rilancio dopo una lunga serie di infortuni. Per la fascia opposta ecco invece Vasilios Zagaritis terzino mancino ex Panathinaikos. Insomma un Parma veamente molto diverso rispetto al match del “Tardini” che terminò 2 – 2, ma un Parma che l’ingente mercato di patron Krause.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da Approfondimenti