Calcio Spezia
Sito appartenente al Network
Cerca
Close this search box.

La lezione di Italiano: “Lo Spezia ora cresce”

Il tecnico aquilotto: “Abbiamo meno qualità degli altri. Ci aggrappiamo ad idee e identità”

Vincenzo Italiano, intervistato da La Gazzetta dello Sport, ha parlato dei suoi principi di gioco, del gusto del pallone tra i piedi e della consapevolezza che attraverso l’organizzazione e le idee si possono nascondere i limiti tecnici individuali.

Italiano, è soddisfatto di quanto sta facendo lo Spezia?
«Stiamo crescendo, nella par- tita con l’Atalanta siamo stati concentrati dall’inizio alla fine. In Serie A ti possono castigare in ogni momento. Contro Sassuolo, Milan e Juve dopo un’ora siamo calati, contro l’Atalanta è andata diversamente. Noi vorremmo sempre avere in mano il pallino, in B eravamo secondi per possesso palla, ma in A non si può. Bisogna adattarsi. In C il mio Trapani giocava molto verticale recuperando la palla in avanti, in B lo Spezia aveva una manovra più ragionata e avvolgente. In A bisogna mediare, ma per la qualità degli avversari credo sia meglio essere aggressivi, togliere tempo e spazio. L’allenatore deve essere pronto ad adattarsi a tutto, anche senza cambiare il sistema di gioco».

La linea difensiva così alta serve anche a dare autostima?
«Se teniamo gli avversari lontano dalla nostra area, corriamo meno rischi. E i giocatori ne sono consapevoli».

Appoggiate spesso la costruzione sui terzini anche per liberare Ricci che spesso è marcato. E’ il concetto del “tutti registi” di cui ha parlato nella tesi di Coverciano?
«Esatto. I più bravi a centrocampo sono sempre pressati in modo asfissiante e allora bisogna trovare alternative. Servono difensori che conoscano il gioco e lo sviluppino».

La costruzione dal basso è necessaria anche quando rischiosa?
«Se mando la palla avanti a caso, dopo pochi secondi corro un pericolo. Se c’è lo spazio, bisogna sempre giocare».

Il motivo per cui le provinciali, rispetto al passato, cercano di più il possesso è che le distanze dai top club sono aumentate e “giocare di più” è l’unica strada per opporsi al loro talento?
«La penso esattamente così. Se continui a consegnare la palla ad avversari che hanno molta più qualità di te, starai sempre in trincea. L’unico rimedio è tenere il pallone, gestirlo».

Qual è il segreto di una buona transizione?
«La posizione in cui la fai: meglio se è vicino alla porta avversaria. E poi la velocità con la quale la esegui. Le transizioni sono l’unica alternativa reale alla costruzione attraverso il ragionamento e i concetti di gioco provati in allenamento».

Lo Spezia è più forte della somma dei suoi valori individuali. Merito delle sue idee?
«Merito delle idee, del gioco, dell’organizzazione e della partecipazione di tutti. Noi abbiamo meno qualità rispetto alle nostre avversarie. E allora ci aggrappiamo a identità, idee, spirito di sacrificio, lavoro».

Però tirate poco in porta.
«A volte creiamo le condizioni ma poi non ci riusciamo».

Quella contro la Lazio sarà l’ultima partita a Cesena, poi tornerete a La Spezia.
«Meno male: ogni volta dobbiamo fare 3 ore di pullman per andare a Cesena. Ci è mancato il senso di protezione che ti dà il tuo stadio pur senza pubblico».

Con Galabinov siete più incisivi, con Nzola giocate meglio: concorda?
«Sono profondamente diversi: Galabinov è più cinico, Nzola è più dinamico e attacca la pro- fondità in maniera diversa».

Quanto tempo ci vuole per trasmettere i propri concetti?
«E’ un lavoro quotidiano che svolgi attraverso mille sollecitazioni e stimoli. Non devi chiederti quando arriveranno i risultati. Tu lavori, semini e poi all’improvviso sboccia tutto».

3Ha già individuato le rivali per la salvezza o è presto?
«Bisogna vedere se Fiorentina, Torino e Udinese risaliranno. Io spero che la mia squadra cresca come sta facendo. Per caso vinci una o due partite, la salvezza la costruisci con la forza del lavoro. E sarebbe davvero come uno scudetto, anzi di più».

Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Il trainer del club genovese è parso soddisfatto dopo il pari ottenuto nel derby odierno...
Il dirigente aquilotto ha parlato in modo approfondito degli episodi arbitrali che hanno condizionato la...
Il dirigente aquilotto ha commentato alcune decisioni prese dall'arbitro Di Bello e dal VAR....

Dal Network

L'allenatore del Parma in conferenza stampa: "Vittoria fondamentale contro una squadra di valori"...

Altre notizie

Calcio Spezia