Resta in contatto

Approfondimenti

Kouamé-Spezia, cosa c’è di vero nell’interessamento aquilotto?

Il nuovo ruolo di centravanti con una stagione da 13 gol e 10 assist all’Anderlecht hanno rilanciato l’ivoriano che vuole giocare titolare. A Firenze c’è il “problema della lista”, ma a Italiano il ragazzo piace. Se ne saprà di più dal 26 agosto con almeno cinque squadre interessate a lui

Ormai da settimane Christian Kouamé viene associato allo Spezia come possibile rinforzo per l’attacco di mister Gotti.

Ma cosa c’è di vero in questa voce di mercato? Proviamo a spiegarvelo noi di CalcioSpezia.

La scorsa stagione in Belgio

Il 24enne attaccante della Fiorentina è reduce da un’ottima stagione nel massimo campionato belga dove ha militato nell’Anderlecht.

Una stagione in cui Kouamé ha cambiato definitivamente ruolo venendo schierato da centravanti dal tecnico Vincent Kompany, ex difensore del Manchester City e ora sostituito sulla panchina dei “biancomalva” da Felice Mazzù.

Nel nuovo ruolo Kouamé si esprime al meglio siglando 13 gol, eguagliando il suo record della stagione 2017/2018 in Serie B con il Cittadella, e servendo 10 assist vincenti ai compagni in 36 partite tra campionato, Coppa di Belgio e Play-Off.

Il rientro alla Fiorentina

Al termine della stagione ecco il suo rientro alla Fiorentina con l’intenzione di cambiare aria perchè nel nuovo ruolo di centravanti Kouamé sarebbe chiuso dal confermato Arthur Cabral e dal neo acquisto Jovic diventando di fatto la terza scelta di Italiano.

Prima della partenza del ritiro di Moena il procuratore del ragazzo ivoriano, Michelangelo Minieri, era stato chiaro in questo senso chiudendo in tutti i modi alla possibilità di conferma nella rosa viola.

Le motivazioni di questa affermazione erano sostanzialmente due: il ragazzo è reduce dalla sua miglior stagione e vuole giocare titolare, oltretutto vuole farlo da centravanti.

Nel corso del ritiro di Moena però Italiano lo ha provato spesso anche da esterno d’attacco nel proprio 4-3-3, ma anche la batteria degli esterni dell’ex allenatore aquilotto a Firenze è ben fornita.

Si va dall’ex Spezia Saponara, a Sottil, Nico Gonzalez e Ikoné. Proprio con quest’ultimo Koaumé ha molto legato in ritiro ed ecco quindi una piccola apertura per la sua permanenza nella viola.

Il punto è che la Fiorentina lo terrebbe anche come jolly offensivo nella propria rosa ma partendo come terza scelta nel ruolo di centravanti e come quinta scelta in quello di esterno d’attacco.

Insomma il ragazzo si sente coinvolto dal progetto di Italiano, ma dentro di lui rimane forte la voglia di andarsi a giocare altrove le sue carte per fare il titolare.

Il problema della lista

Un altro grande problema per la permanenza di Kouamé alla Fiorentina è quello della lista.

Il club viola ha infatti tre giocatori che si stanno allenando agli ordini di Italiano che non potranno essere tesserati e messi a disposizione per il campionato di Serie A perché non sono né cresciuti in club italiani né nel vivaio gigliato.

Gli altri “slot” sono già occupati e quindi ci sarebbe bisogno di alcune cessioni per liberarli.

I tre giocatori in questione sono il centravanti russo Kokorin, vero corpo estraneo da due anni a questa parte del club di Commisso, il centrocampista Benassi rientrato dal prestito all’Empoli e appunto Kouamé.

La Fiorentina, ricordiamo, che è impegnata nei Play-Off per accedere alla Conference League.

In caso di mancata qualificazione Kouamé verrebbe messo immediatamente sul mercato, mentre se la viola arrivasse al tabellone principale il ragazzo potrebbe restare con l’esclusione di qualcun altro dalla lista principale della Serie A.

Quando si saprà se questo accadrà? La data del ritorno dei Play-Off, probabilmente contro gli olandesi del Twente, è il prossimo 25 agosto. Dal 26 si saprà qualcosa di più certo.

Le opzioni del mercato

Ad oggi Koaumé è quindi una pista che può essere valida, per quanto difficile, per lo Spezia come vice Nzola dato che il ragazzo ha dato il meglio di sé nel ruolo di centravanti nella scorsa annata all’Anderlecht.

Il nazionale ivoriano, 14 presenze e 1 gol, è fisicamente strutturato anche per quel ruolo essendo alto 185 cm. e in possesso di una grande esplosività e forza fisica.

Il classe ’97 in carriera ha disputato 208 partite tra i professionisti siglando 47 reti e servendo 39 assist.

Oltre all’interessamento dello Spezia su di lui vi è forte l’Anderlecht che lo riaccoglierebbe a braccia aperte, ma la squadra che pare essere più avanti è il Galatasaray.

In Italia ecco, oltre alle Aquile, il Bologna e la Cremonese.

Il calciatore ha ancora due anni di contratto con la Fiorentina che apre al prestito di un anno con diritto/obbligo di riscatto.

La quotazione di Koaumé si attesta intorno ai 5/6 milioni di euro.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Approfondimenti