Calcio Spezia
Sito appartenente al Network

L’Udinese presenta Soppy e Beto. Marino: “Sono due gioielli”

Per il direttore dell’Udinese: “Questa è una giornata che ricordermo a lungo.” Ecco le prime parole dei due nuovi acquisti dei friulani

Alla presenza del Direttore Pasquale Marino l’Udinese ha presentato oggi i propri ultimi  due acquisti:  Brandon Soppy e Beto Betuncal.

Ecco le loro parole durante la conferenza stampa di presentazione andata in scena questa mattina.

MARINO –Dò il benvenuto a due giocatori di grande caratura e spessore che siamo riusciti a portare ad Udine, sia adesso che in prospettiva faranno le fortune di questa squadra. Beto è un attaccante che seguivamo da tempo, l’esplosione è stata recente, ma lo abbiamo notato fin dalle sue apparizioni nelle categorie minori. E’ un attaccante moderno che nonostante il gran fisico è veloce, mi ricorda quei giocatori alla Zapata. Può dare strappi e davanti alla porta ha il senso del gol, siamo una squadra che può mettere a frutto le sue caratteristiche. Per quanto riguarda Soppy è veramente un ragazzo, ma con le caratteristiche di un giocatore fatto, può dare una mano subito, ma gli daremo tempo per inserirsi, al Rennes ha già fatto le sue apparizioni, nello scatto, anche se in un ruolo diverso, mi ricorda Davids, ha un’accelerazione che sulla fascia può renderlo devastante. Oggi è giornata storica, presentare questi due gioielli è una cosa che in futuro ricorderemo, sono due ragazzi importantissimi“.

SOPPY –Sono contento della fiducia che sento da parte del Direttore e da parte dei miei compagni. La tecnica, velocità e capacità nel contrasto pootranno aiutarmi a fare la differenza. Sarà difficile: dovrò contendermi il posto con giocatori molto bravi e un’agguerrita concorrenza. Nel calcio fa sempre bene, la concorrenza aiuta i giocatori a dare il meglio. Il giocatore che mi ha impressionato di più è De Maio, perché è un grande lavoratore, è molto serio e dà tanti consigli sia in campo che fuori. Lo considero un grande fratello maggiore su cui contare. l campionato italiano è molto fisico, ci sono tanti contatti e contrasti, per quanto riguarda la squadra secondo me ha buon gioco, ci sono giocatori di ottimo livello, penso che potremo fare molto bene. Per quanto riguarda il mio miglioramento il campionato italiano sicuramente mi aiuterà a crescere sotto l’aspetto difensivo“.

BETO –Ho caratteristiche difficili da trovare, perché abbino velocità e fisicità, sono sicuro di potermi trovare bene con questi compagni e in questa squadra. Le parole del direttore mi fanno sentire importante, percepisco fiducia. Il mio primo idolo è stato Eto’o a livello internazionale, ma negli anni ho apprezzato tanti giocatori come Drogba, ma anche Lewandowski, Lukaku o Haaland, gli osservo per studiare il loro modo di giocare. Sono entusiasta di poter giocare con giocatori di così alto livello, penso di potermi integrare bene con loro in campo per stile di gioco e per la qualità che possono fornire, posso ricevere assist e creare situazioni tattiche interessanti. Ho fatto tanti gol nel campionato portoghese ma chiaramente è diverso da quello italiano, ci sarà un periodo di adattamento che però dovrà essere rapido. Voglio aiutare la squadra segnando più gol possibile e spero che accada al più presto“.

Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Articoli correlati

Indisponibili in quattro tra cui lo squalificato centravanti Favilli, l'allenatore rossoverde recupera Marginean: ventiquattro i...
Il fantasista prestato dallo Spezia al Cosenza si presenta: "Non sono stati sei mesi facili...
Il tecnico rossoverde parla della sfida di domenica al Liberati contro i le Aquile: "Con...

Dal Network

Il tecnico rossoverde parla in conferenza stampa dopo il pareggio tra Fere e Aquilotti al...
Il commento in chiave rossoverde: "Dopo l'illuisione, la doccia fredda a partita finita"....
Breda dovrebbe schierare un 3-5-2, Pereiro Jolly tra attacco e trequarti...
Calcio Spezia