Resta in contatto

News

Italiano: “Sono un aquilotto come voi, e lo rimarrò per sempre…”

A La Nazione è tornato a parlare l’allenatore dello Spezia. “Innamorato della città e delle persone. Sogno una festa per la salvezza.”

E’ tornato a parlare dalle pagine de La Nazione l’allenatore dello Spezia Calcio Vincenzo Italiano.

L’allenatore si è raccontato sulle pagine del quotidiano partendo dal suo rapporto con la gente di Spezia.

Alla Spezia sto bene: è gente alla mano, proprio come me

Da Karlsruhe a Verona diventato professionista partendo dalla gavetta

Nato in Germania, a Karlsruhe, primogenito di tre figli con le sorelle Silvia e Sabrina. Poco dopo la nascita il trasferimento in Sicilia, a Ribera. Infanzia felice disseminata di sfide per i campetti di periferia con gli amici. “Un modo di forgiare il carattere e crescere in fretta.”

Anche la carriera da calciatore è stato uno scalare la vetta partendo dal basso, dalla gavetta.

Serie D a Partinico, poi il professionismo in C a Trapani e la grande occasione con l’Hellas Verona tra Serie B e Serie A, segue l’altra sponda gialloblu quella dei “mussi” del Chievo Verona, un triennio al Padova per concluere in C con Perugia e Lumezzane.

428 presenze da professionista e 43 gol.

Da allenatore brucia le tappe

La carriera da allenatore è folgorante: dall’Arzignano Valchiampo in Serie D allo Spezia passando per il Trapani sono solo promozioni in serie dalla IV Divisione Nazionale al massimo campionato.

Alla Spezia Italiano è semplicemente “Vincenzino, uno di noi!”

Parole che mi trasmettono i brividi. Per chi fa questo lavoro la cosa più importante è sentirsi apprezzato. L’affetto della gente mi riempie di gioia, sono felice di avervi regalato la Serie A.” – continua il tecnico a La Nazione – “Questa avventura l’ho sposata in pieno: mi è venuto spontaneo dopo aver visto la festa promozione e l’attestato di grande amore dopo i Play-Off. Mi piacerebbe rivedere quella gioia per la salvezza.

Innamorato della città, i tifosi lo vogliono in tuta e lui sogna le Coppe Europee

Una prima in Serie A in giacca e cravata, poi il ritorno alla tuta tanto amata dai tifosi.

Spezzini persone umili e gente perbene. Non hanno la puzza sotto il naso e io mi ritrovo in loro, nel loro carattere. E’ per questo che qui mi trovo così a mio agio.

Non nasconde poi il suo sogno: “Non ho mai giocato le coppe europee, mi piacerebbe farlo da allenatore.

Spezia mi è entrata nel cuore: posti bellissimi, non la conoscevo, mi sono innamorato di tutti. E gli spezzini sono persone ricche di passione che amano moltissimo la loro città.

Un aquilotto tatuato sul cuore: “Essendo stato io il mister della Serie A penso che sia normale essere diventato aquilotto come voi. E lo rimarrò per sempre…

 

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Quando questo parla.. Mi fa sempre commuovere…. 1 10 100 italiano…. Tutta la vita 😉👍

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

grande mister

Commento da Facebook
Commento da Facebook
15 giorni fa

Grande mister sempre con noi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Pur amandolo, pur piacendomi…lo ringrazio…MA..Mister, non allargarti troppo…il futuro non si sa e la vita può cambiare….Mister, va bene così..nn aggiungere altro!🦅

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Mister sei un GRANDE e ciò che dici sono parole vere si vede dall’espressione che hai che sei una persona sincera e questa sincerità ti fa onore.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a LA SPEZIA su Sì!Happy

Altro da News